01.04.2015

Fotografia mobile e tilt-shift: correggere la distorsione prospettica

01.04.2015

Fotografia mobile e tilt-shift: correggere la distorsione prospettica

La settimana scorsa ho scritto della profondità di campo e della sfida che affrontano i fotografi che utilizzano dispositivi mobili. Questa settimana ho deciso di iniziare ad ampliare il tema, concentrandomi su uno degli elementi del tilt-shift nella fotografia mobile.

La città in miniatura

Questo articolo non tratta dell’aspetto della miniaturizzazione nel tilt-shift, ma vorrei comunque menzionarlo. L’espressione “fotografia tilt-shift” è spesso associata con il tentativo di conferire a un’ambientazione realistica l’aspetto di mondo in miniatura. Un gran numero di applicazioni per iPhone sono state create apposta per ricreare questo aspetto. Anche le applicazioni che non sono specializzate in questo effetto includono il filtro tilt-shift, per esempio la bellissima Snapseed.

La ricerca dell’hashtag “tilt-shift” su Instagram produce numerosi risultati. Di seguito un esempio dei miei lavori:

treno a vapore

L’elemento chiave è una profondità di campo molto bassa, normalmente posizionata su una fascia orizzontale al centro dell’immagine. L’effetto città in miniatura risulta essere più efficace con un’immagine nitida inquadrata dall’alto verso il basso e attorno un paesaggio cittadino o naturale, ma l’effetto tilt-shift può essere applicato a qualsiasi immagine con risultati molto interessanti.

Non è possibile realizzare questi bellissimi effetti di luce sfocata di cui parlavo nel mio articolo sulla profondità di campo con le applicazioni specializzate nel tilt-shift e con quelle generiche che offrono filtri tilt-shift. Queste tendono non tanto a simulare un vero effetto sfocato, quanto invece ad applicare alla scena una sfocatura netta e decisa. Per questo motivo preferisco utilizzare l’applicazione per la profondità di campo di cui ho parlato la settimana scorsa per rendere questo effetto con un pizzico di autenticità in più.

Shifting nella fotografia mobile

La città in miniatura è un’interpretazione divertente della fotografia tilt-shift, ma questa settimana voglio iniziare a trattare altre componenti di questa tecnica. Inizierò con il trattare con particolare attenzione l’aspetto shift.

L’attrezzatura tradizionale di un fotografo permette di collegare obiettivi particolari per il tilt-shift, che offrono un controllo indipendente su entrambi gli aspetti. In realtà, nella fotografia mobile, le nostre opzioni sono limitate alle applicazioni, ma, diversamente da quanto avviene per la profondità di campo, simulare l’effetto shift è molto più semplice.

Cos’è lo shifting?

La finalità dello shifting è correggere la distorsione prospettica. Per esempio quando si fotografa un’immagine dal livello del suolo, spesso si inquadrano diversi edifici, le cui linee verticali convergeranno con l’altezza. Tramite lo shifting dell’immagine, ottenuto con un’applicazione nella fase di post-elaborazione, possiamo correggere la distorsione prospettica.

ministract-prima

Questo è un esempio di un’immagine fotografata guardando verso l’alto. È un buon esempio perché le numerose linee verticali e orizzontali dimostrano molto bene il problema della convergenza delle linee verticali. Evidenzia inoltre l’importanza del vostro posizionamento nello scattare la fotografia. In questo caso, mi ero assicurato di essere correttamente allineato rispetto all’edificio guardando tutte le linee orizzontali ed assicurandomi che restassero parallele e allo stesso livello.

L’accuratezza è molto importante quando si fotografa un soggetto relativamente semplice come questo.

ministract-vista-frontale

FrontView: le applicazioni più nuove sono un po’ più raffinate e interattive, ma FrontView resta sempre un mio cavallo di battaglia. È sufficiente importare un immagine, posizionare ognuno dei quattro angoli e salvare. Recentemente questa applicazione è diventata gratuita.

Non ho ancora trovato in un’applicazione generica che includa queste funzioni, perciò quando elenco le 10 applicazioni che considero migliori, inserisco sempre un’applicazione specializzata nello shift.

Altre app che utilizzo sono:

  1. SKWRT – app relativamente recente. Corregge (e aggiunge) anche altri tipi di distorsione, compresa quella dell’obiettivo.
  2.  Perspective Correct

ministract-dopo

Dopo questo processo, potrete notare che le linee verticali convergenti sono state corrette, il che dà l’impressione che io mi trovi allo stesso livello del centro dell’immagine. Questa immagine è stata scattata e modificata come parte di un esperimento ispirato allo stile Ministract (in parte minimal e in parte astratto, riferitevi a Tom McLaughlan).

Quando gioco con uno stile pittorico di elaborazione, questo mi dà la possibilità di immaginare come avrei dipinto la scena. Anche se la realtà è differente, la licenza artistica trasmette il mio tentativo di stabilire delle linee verticali non convergenti.

199-gradini-cattura

199-gradini-vista-frontale

199-gradini-dopo

199-gradini-versione-pittorica

Un’ultima nota riguardo lo shifting. Secondo me le linee verticali possono aggiungere una qualità dinamica all’immagine. Infatti, molti fotografi amano utilizzare obiettivi con bassa lunghezza focale che le enfatizzano. Per questo motivo, a mio parere, la decisione di correggere le linee verticali convergenti o qualsiasi altra distorsione non dovrebbe essere presa in automatico, ma secondo considerazioni artistiche. Ho spesso aumentato o persino creato distorsioni piuttosto che limitarmi semplicemente a correggerle.

La settimana prossima prevedo di dedicarmi all’effetto “di inclinazione” della fotografia tilt-shift, che amo in modo particolare.

Skip 

Conosciuto come Skip dagli amici, Paul è un fotografo di Lincoln che utilizza l’iPhone per i suoi scatti. Le sue opere sono state oggetto di mostre, commissioni e sono state premiate. Cura un blog di successo su skipology.com, in cui spiega nel dettaglio le app e i processi che sfrutta per creare le sue immagini. Il suo stile spazia da fotografie di strada poco modificate a composizioni in cui è marcato il processo di post elaborazione, tutte scattate solamente con iPhone e iPad. Potete contattare Skip sui social: su Facebook su www.facebook.com/skipology; Instagram su instagram.com/skipology o Twitter su twitter.com/skipology.

 

Top