26.09.2012

Da Londra a Londra attraverso il mondo

26.09.2012

Da Londra a Londra attraverso il mondo

Sarah Outen,   local hero Manfrotto, condivide con noi le sue eccezionali esperienze di viaggio.

 

Amo i viaggi alimentati dalla forza motrice umana

Io amo questo tipo di viaggi per molte ragioni: il passo, la prospettiva, l’intimità con i paesaggi, gli incontri con la natura e le connessioni che fai con la gente. Indietro nel 2011 sono partita per la mia spedizione ‘Da Londra Per Londra attraverso il mondo’; il tentativo di remare, pedalare e vogare in un ciclo continuo attraverso il pianeta. Anche se principalmente solitario, volevo che il viaggio fosse condiviso – usando la telecamera e si social media per condividere le storie.

Tower Bridge 2011

Sono partita dal ponte di Londra in kayak giù per il Tamigi e attraverso la Manica sono arrivata in Francia. Poi ho cominciato una corsa in bici di oltre 11,000 miglia attraverso l’Eurasia. Sento che l’avventura è cominciata davvero in Kazakistan quando mi sono lasciata dietro la familiare Europa e ho viaggiato attraverso le vaste e polverose steppe che coprono gran parte della nazione. L’ospitalità kazaka è stata splendida – ho trascorso più tempo bevendo the con la gente del luogo che pedalando!

Sii come Gao

Le bici sono umili e universali. Sono un modo che non intimidisce per condividere la vita delle persone, anche se solo per un momento. Il mio viaggio attraverso la terra è stato punteggiato di incontri casuali che restano nella mente per le reazioni che creiamo. L’incontro più memorabile è avvenuto in Cina quando un giovane di nome Gao mi ha chiesto se poteva pedalare con me attraverso la nazione. Dopo un po’ gli ho detto si, gli ho scritto una lista della spesa (ancora non aveva nemmeno una bici!) e qualche giorno dopo abbiamo pedalato insieme verso Est. Trentacinque giorni dopo abbiamo raggiunto Pechino e lui ha raggiunto la sua meta. La sua storia e il suo atteggiamento mi inspireranno sempre. E’ un grande esempio di coraggio, attitudine positiva e buon umore che supera gli ostacoli.

Il confine del mondo 

Quando ho raggiunto l’estrema costa orientale della Russia, ho ripreso il mio kayak, Nelson, per fare l’attraversamento verso il Giappone attraverso la remota isola Sakhalin – un posto selvatico e rude. La bellezza selvaggia di Sakhalin mi ha messo alla prova  attraverso uno dei passaggi più difficili – a questo punto ero fisicamente ed emotivamente esausta.

Ho trascorso l’inverno in Giappone riprendendomi dalla prima fase del viaggio e preparandomi alla seconda. In quel periodo ho investito una settimana a fare volontariato nell’area di Tohoku danneggiata dallo tsunami. E’ stato un momento commovente.

Pacifico scena 1

Nel maggio 2012 sono partita nella mia barca a remi, Gulliver, per quella che sapevo sarebbe stata la parte più difficile del mio viaggio – remare in solitaria attraverso l’Oceano Pacifico del Nord dal Giappone al Canada. La vita nell’oceano è un eccitante mix di momenti sublimi, e sorprese  ma per la maggior parte è molto impegnativo. Però l’ho amato e soprattutto per gli incontri con gli animali selvatici. Sfortunatamente, l’oceano non si è presentato come avevo sperato – nelle avventure capita raramente. Dopo alcune settimane la tempesta tropicale Mawar ha ruggito attraverso la mia area, portando venti a 65 nodi e onde di 15 metri. Stavo stesa legata nella mia cabina senza poter far nulla a parte aspettare e sperare. Dopo 36 ore, Gulliver era stato così danneggiato che ho dovuto chiamare i soccorsi, incapace di continuare a remare. Ci è voluto un altro giorno e mezzo prima che venissi salvata dalla Guardia Costiera del Giappone.

Sono ora tornata a casa nel Regno Unito e dopo avere avuto qualche mese per riprendermi sono determinata a tornare lì e affrontare l’Oceano Pacifico del Nord di nuovo nel 2013 e continuare la mia spedizione DaLondraPerLondra. Si tratta del viaggio e degli incontri e di ispirare altre persone a sfidare i propri limiti, vivere i propri sogni ed essere come Gao.

http://www.sarahouten.com/

Hai un’eccezionale storia di viaggio? Condividila con noi su FacebookTwitter.

Top
Our Brands