05.05.2014

Ficoeuva e Manfrotto in Funny Plates

05.05.2014

Ficoeuva e Manfrotto in Funny Plates

Siamo tornati vi ricordate di noi?
Siamo Sara e Paolo, Ficoeuva nel mondo blog, ci eravamo già conosciuti qui, qui, qui, e qui.

Oggi finalmente ci riaffacciamo su Manfrotto Imagine More ed è un po’ come rientrare in casa di un amico che ci ha ospitato, e che ci ha lasciato ricordi e sensazioni appaganti e belle.
Era settembre dello scorso anno e da allora di mesi ne sono passati sei, mesi intensi vissuti e ricchi di immagini che si accavallano davanti ai nostri occhi e soprattutto davanti all’obiettivo della nostra reflex.
Mesi in cui abbiamo avuto una splendida opportunità, abbiamo aperto un cassetto, quello speciale, quello che non avevamo mai chiuso completamente e abbiamo tirato fuori il nostro sogno.
Un progetto che ha alla base tantissime passioni che si fondono in un unico grande risultato: passione per la cucina, per la fotografia, per l’immagine e per la creatività:.

Riassumendo tutto questo? Il nostro libro Funny Plates.

E’ qui il primo posto in cui ne parliamo ufficialmente e lo facciamo con estrema gioia proprio perché Manfrotto, che ci ha accompagnato lungo tutto il percorso, scatto dopo scatto, è stato ausilio indispensabile per riuscire a comunicare visivamente quello che avevamo in mente.

Funny Plates è un progetto trasversale che contiene creatività, fantasia, famiglia, gusto e soprattutto immagine a veicolare il tutto.
Gli strumenti che utilizziamo nei nostri scatti sono dunque diventati indispensabili, sono evoluti, migliorando il nostro lavoro e la qualità delle nostre fotografie.
Per documentare al meglio, nella preparazione del libro, abbiamo voluto immortalare alcune fasi di backstage in cui, spesso, fa bella vista di se il nostro cavalletto per reflex che ci segue ormai da qualche anno.
Il treppiede è indispensabile negli scatti di food o still life in ogni  circostanza, permette di studiare meglio il contesto, l’inquadratura e la mise en place dei piatti, dei disegni e dei props utilizzati. Permette inoltre di sfruttare le situazioni di scarsa luce impostando la macchina su parametri manuali con tempi di esposizione lunghi, da la possibilità di posizionare pannelli riflettenti nei punti strategici per aumentare contrasto e vividezza dei colori.

Alcuni suggerimenti?

Scegliete pannelli bianchi o semplicemente del polistirolo se volete ammorbidire le ombre, orientatevi su quelli metallici di alluminio (soluzione fai da te un pannello ricoperto da carta stagnola) se volete generare una luce più diretta aumentando il contrasto.
Proseguendo nella nostra esperienza, quello che possiamo sicuramente affermare è che nel nostro modo di scattare non possiamo più fare a meno dei supporti per smartphone.
Da bravi Instagramers curiamo lo scatto con il cellulare quanto quello fatto con la reflex. Pixi, il piccolo treppiede, lo utilizziamo molto spesso come impugnatura anche nella realizzazione di brevi filmati..
Per noi è stata la soluzione ideale proposta da Manfrotto per avere sempre immagini nitide, precise e luminose. Con questo strumento possiamo cogliere tutti i momenti più importanti del nostro lavoro e oggi le fotografie hanno un tocco in più, sicuramente dettagliato e di alto livello.
Manfrotto Pocket MP1 lo abbiamo invece scoperto da poco e ne siamo rimasti folgorati, quello non manca mai in un taschino della borsa, il supporto pocket perfetto per ogni tipo di occasione perché grazie alle sue dimensioni è sempre con noi.

Con entrambi abbiamo sperimentato scatti da diverse angolazioni:
zero gradi (frontale) o con visuale da 10 a 20° (che esaltano la tridimensionalità del piatto) sono quelle che si prestano meglio ai supporti utilizzati, facendo un’attenzione particolare allo sfondo del piatto e dell’immagine.

Esistono inoltre angolazioni con visuale a 45 ° (quella con cui vede l’occhio umano) e la visuale aerea che da bidimensionalità ma esalta gli impiattamenti geometrici e schematici, più semplici da realizzare con un cavalletto tradizionale.
Da pochi giorni abbiamo fra le mani Funny Plates stampato e rilegato, un’intensa emozione ci ha pervaso e, sfogliandolo, siamo soddisfatti del risultato ottenuto reso sicuramente possibile dall’ottimo lavoro di squadra con Trenta Editore, noi e proprio Manfrotto.
Ora che abbiamo chiuso un progetto siamo già mentalmente proiettati verso nuove “contaminazioni” visive… siete curiosi?

Ve ne parleremo nel prossimo articolo!

Fico e Uva

About us: Sara: mamma equilibrista fra due bimbe Vittoria una cinquenne tutta pepe e Caterina un anno e mezzo di energia pura, casa e lavoro, food addicted, amo scrivere, sognare e viaggiare.
Paolo : papà e altra metà del blog, appassionato di fotografia e sommelier in erba.
In arte @ficoeuva siamo blogger da gennaio 2008, in casa nostra non ci si annoia mai, manca il tempo per farlo, ma tutto avviene con il sorriso!
Nella vita siamo entrambi  impiegati in banca ma  nel nostro tempo libero amiamo cucinare, curare il nostro blog e vivere sempre nuove esperienze.
Un blog che amiamo definire a gestione familiare dove tutti danno il loro contributo, Babette la bassotta compresa.

www.ficoeuva.com
About.me
Instagram
Twitter
ficoeuva@gmail.com

Top
I nostri brand