01.04.2015

Quando lo smartphone diventa una fotocamera compatta

01.04.2015

Quando lo smartphone diventa una fotocamera compatta

Fotografo per passione da diversi anni, ma quando non ho l’attrezzatura con me e qualcosa attira il mio occhio, tiro fuori dalla tasca il mio iphone 6 e scatto.  Scattare non è semplicemente fare click, soprattutto se le condizioni di luce sono scarse e si scatta a mani nude senza alcun tipo di appoggio.
La fotocamera dell’iphone 6 con i suoi 8 megapixel con pixel da 1,5µ , con diaframma di apertura ƒ/2.2, e stabilizzazione elettronica,  garantisce sempre ottime immagini. Ma se volessimo uno scatto stile fisheye o un moltiplicatore di focale, o la possibilità di agganciare lo smartphone ad un treppiede?
Nessun problema, ci pensa KLYP + di Manfrotto, un kit che trasforma lo smartphone in una fotocamera in tutti i sensi, garantendo una versatilità e stabilità non indifferenti.
Un kit è leggerissimo da mettere in borsa per dare sfogo alla propria creatività fotografica a portata di smartphone.

Il kit è composto da:

  • un case in policarbonato
  • 2 lenti : un fisheye, e un moltiplicatore di focale 3x
  • 1 luce a led con supporto per treppiede

1

Ho provato il kit, facendo qualche scatto in giro per Civitavecchia (Rm), la città in cui vivo.

2

3

Il case ha un design ben definito ed esteticamente accattivante. L’iphone si inserisce all’interno con estrema facilità. Una volta installata la cover è possibile accedere a qualsiasi tasto dell’iphone: all’ingresso per il cavo cavo lighting, all’ingresso per le cuffie, al tasto di accensione, al controllo del volume  garantendone tutte funzionalità.
Costituita in policarbonato (materiale estremamente leggero), la cover è facilmente maneggiabile e antiscivolo. Robusta in modo tale da far fronte ad eventuali urti o cadute, offre un’ottima aderenza sul dispositivo e  protegge sia il dorso che la cornice del telefono da potenziali graffi. Il pattern interno della custodia è liscio, mentre quello esterno è zigrinato.

4

La parte posteriore della cover, dotata dell’opportuno spazio per flash e fotocamera, consente di scattare foto senza limitare (con riflessi od ombre) il campo di azione della fotocamera. Disposta in diagonale, appare sul retro in rilievo la scritta “Manfrotto”.

5

La profondità della cover ed i lembi che circondano il display non sono eccessivi a tal punto da inspessire notevolmente il cellulare, pertanto l’altezza complessiva supera di poco il centimetro.
Gli altri due elementi presenti nel kit sono le due lenti una grandangolare e una lente 3x.

6

La lente grandangolare consente un angolo di ripresa di 120 °, creando un’immagine quasi circolare. La lente zoom 3x  permette di riprendere dettagli lontani con estrema facilità. Entrambe le lenti si montano per semplice avvitamento sulla cover. Il materiale di cui le lenti sono costituite è tale per cui non attirano polvere, né si rigano. La resa a livello di immagini scattate con tali lenti è ottima, le foto sono nitide, la messa a fuoco è perfetta, e i dettagli non presentano sgranature a livello di pixel, come si può vedere dalle foto che ho scattato.

7

8

Entrambe le lenti sono dotate di tappi inferiori e superiori.
Sui tappi posteriori è impresso in rilievo il logo Manfrotto. Sull’estremità della lente è stampata la tipologia della lente stessa, per evitare confusione durante l’installazione sul dispositivo. Le lenti possono essere riposte in un comodo sacchettino fornito in dotazione col kit.

9

L’accessorio che è fondamentale per i fotografi, in condizioni di luce scarsa,  è il faretto a tre led (a luce continua) dotato di supporto a vite per treppiedi, con filettatura standard 1/4.

10

11

12

Le dimensioni contenute lo rendono molto maneggevole. Si innesta, in verticale od orizzontale, sul case per slittamento. Ha tre livelli di luminosità e può essere utilizzato, tranquillamente, anche in studio come luce principale o di supporto. La dimmerabilità consente di gestire la quantità di luce a seconda delle proprie esigenze. Il faretto può essere utilizzato anche indipendentemente dallo smartphone per creare una fonte luminosa che colpisca il soggetto da destra, sinistra, dal basso dall’alto, o per creare il tipico “effetto Rembrandt”.

Con i suoi 256 lumen e un angolo di illuminazione di 60° consente una copertura luminosa molto soddisfacente. Per la tecnologia con cui i led sono stati costruiti i colori delle immagini non vengono alterati, i colori sono vividi, saturi al punto giusto e i toni della pelle sono quelli naturali. Nessuna dominante cambia i colori caratteristici del soggetto che viene ritratto, né tanto meno si crea il caratteristico effetto “red eyes”.

13

Nessun problema di batterie per il faretto, si ricarica tramite una semplice presa usb, fornita in dotazione.

14

Il supporto a vite consente di utilizzare il faretto anche da solo  montandolo su un treppiedi Manfrotto ed utilizzandolo come una fonte di luce accessoria.

15

Grazie al supporto a vite ho installato il cellulare sul minitreppiedi Manfrotto Pixi, e questo garantisce una grande stabilità dello smartphone evitando vibrazioni e, nello stesso tempo, dando la possibilità di inquadrare secondo numerosissimi angoli di ripresa. Risultato: grande nitidezza delle foto e nessuna oscillazione del dispositivo durante gli scatti o riprese video.

16

Che dire, il kit Klip+ consente agli “iphone fotografi” di sperimentare l’arte della fotografia, con grandi risultati: piccolo, tecnologicamente ben fatto, è da tenere assolutamente in borsa. Provarlo è stata una piacevole esperienza e lo consiglio vivamente a tutti i possessori di iphone.

17

Di seguito gli scatti realizzati con le due lenti.

Fisheye:

18

19

20

21

22

Lente 3x

23

24

25

Sandra Corrado

Ho 41 anni, salentina, ma vivo a Civitavecchia. Sono un ingegnere gestionale, mi sono avvicinata alla fotografia nel 2011, sfruttando le potenzialità dell’occhio e trasformandole in qualcosa di tangibile. Sono un’autodidatta, amo sperimentare, mi sono dedicata dapprima ai paesaggi per poi passare ai ritratti affascinata dalle emozioni che lasciano trapelare. Mi occupo anche di fotografia di scena, di still life e reportage. Per me fotografare è un modo per lasciare un segno negli occhi di chi guarda. Molti dei miei scatti sono stati pubblicati sulle maggiori riviste di fotografia italiana.

Email mariasandra.corrado@gmail.com Facebook www.facebook.com/sandra.corrado.3 Twitter twitter.com/SandraCorradoph Website www.sandracorrado.com

Top
I nostri brand