21.10.2015

Alla scoperta di Spectra.

21.10.2015

Alla scoperta di Spectra.

Una delle condizioni più critiche in cui un fotografo può trovarsi costretto a lavorare è quella in cui manca una luce sufficiente per scattare delle foto, vale a dire in presenza di luce molto scarsa o di quasi buio totale. In questi casi, quando si devono effettuare dei ritratti, non sempre si riesce a mettere a fuoco e a volte è necessario adoperarsi per trovare fonti di luci che ti consentano di avere quella minima luminosità necessaria a svolgere il servizio.

Grazie alla luce Led spot Spectra 500s ho risolto questi problemi. Mi è stato chiesto di testare questo prodotto e con piacere ho provato ad utilizzarlo in diverse maniere, più o meno “classiche”. Appena arrivato a casa, una volta aperta la scatola, ho realizzato che questo oggetto, dalle piccole dimensioni, con 48 led, potesse esprimere una grande luce. Insieme ad esso potete trovare un perno sferico con attacco a vite, utile per chi volesse utilizzarlo sopra la macchina fotografica o su un treppiede, combinazione che permette di gestire la composizione fotografica con assoluta libertà.

Con l’emissione di luce fredda a 5600° K potrete realizzare ritratti dai colori naturali. Gli amanti delle tonalità più calde troveranno invece, sempre all’interno della scatola, un filtro giallo per riscaldare la scena. In dotazione ci saranno altri due filtri, uno lucido bianco ed uno bianco opaco, per ammorbidire le ombre.

Essendo un appassionato di fotografie a lunga esposizione, ho voluto sperimentare qualche scatto con il led spot, facendone un utilizzo più creativo.
Il problema che si è presentato è sempre lo stesso, il buio. Inizialmente ho utilizzato il led per illuminare la roccia su cui mi trovavo e consentire all’assistente, in posizione di scatto davanti alla reflex, la messa a fuoco della scena. Dopo la visione sullo schermo di alcuni scatti prova, ho realizzato che sarebbe stato interessante coinvolgere questo piccolo oggetto e trasformarlo da semplice supporto sul set a protagonista del set stesso.

Queste sono le fotografie frutto di questo esperimento, nato inizialmente dalla necessità di illuminare il set e permettere la messa a fuoco.

1

2

3

4

Il secondo test è stato fatto su Francesca. Gli scatti sono stati realizzati in alcuni vicoli della città di Cagliari in prossimità del centro storico, in condizioni di luce scarsa, quasi al tramonto. Essendo circondati da palazzi, era davvero poca la luce naturale che illuminava il viso della modella. Molto utile è stato anche il dimmer a rotazione continua della luce spot. In questi due scatti si può notare una dimmerizzazione lieve e una quasi massima, mi trovavo ad una distanza di circa 1,5 m da Francesca.

Francesca 1 (1)

Francesca 2

Il peso dello spot portatile è leggerissimo, questo esclude qualsiasi possibilità di usura della slitta per il flash. Il facile utilizzo di questo strumento porta ad avere una vasta gamma di possibili combinazioni, io ad esempio, preferisco avere delle ombre sul viso per dare una drammaticità allo scatto. Collocando la luce led su di un treppiede laterale posso ottenere questo risultato, ovviamente dopo varie prove, essenziali per capire quanto sarebbe stato necessario ruotare la sua testa a sfera. La sua dimensione è un po’ più grande di 4 pile stilo, spazio con cui viene alimentato (batterie alcaline o a litio di tipo AA). La sua durata media è stimata per circa 90 minuti se utilizzato alla massima potenza, questo consente di lavorare con serenità senza timore di ritrovarci improvvisamente senza l’ausilio del nostro supporto luminoso.

È un prodotto che appartiene alla gamma degli illuminatori led 1X2, dispositivi leggeri di facile utilizzo, sia nell’ambito dei video che delle fotografie.

Posso dire che il Led spot Specta 500s, oltre ad essere ottimo nelle sue prestazioni e dimensioni, ha una grande versatilità.
Amo fotografare in condizioni di luce davvero particolari, per questo motivo il Led spot Specta è entrato ufficialmente a far parte della mia attrezzatura fotografica ed è destinato ad accompagnarmi durante tutte le mie prossime avventure.

Francesca 3

Francesca 4

Francesca 5

Logo Manfrotto

Cédric Dasesson

Cédric Dasesson è un fotografo professionista che tramite i suoi studi in architettura riscopre l’amore per la propria terra. Questo lo porta ad affrontare un lungo percorso attraverso la fotografia concettuale ed architettonica del paesaggio, in particolar modo sull’acqua e sul mare, e a raccontare storie composte da elementi semplici.
Il suo canale principale di pubblicizzazione è Instagram attraverso il quale lavora con diversi magazine e brand conosciuti a livello internazionale.

Sito web: www.cedricdasesson.com
Facebook: Cédric Dasesson
Instragram: @cedricdasesson

Top
I nostri brand