Wedding Photography Manfrotto

22.10.2018

Fotografia di matrimonio con un’attrezzatura semplice

written by:
Kaye Ford

22.10.2018

Fotografia di matrimonio con un’attrezzatura semplice

 

La fotografia di matrimonio spaventa molte persone. Io avevo paura di fotografare dei matrimoni prima che sposi e spose cominciassero a chiedermelo, e anche lavorare come secondo per altri fotografi mi spaventava. Sono una fotografa esperta e sono perfettamente in grado di documentare eventi come la London Fashion Week, allora perché mi spaventava l’idea di fotografare un matrimonio?

Penso che la paura dipenda dal fatto che si tratta del giorno più importante nella vita di qualcun’altro e dalla consapevolezza di essere chiamati a creare dei ricordi che i protagonisti conserveranno per sempre. Penso anche che molti temano di avere necessità di una grande quantità di accessori e strumenti e che quindi le spese lievitino. Ma in realtà è possibile dedicarsi alla fotografia di matrimonio anche con un’attrezzatura molto semplice. Non è necessario avere a disposizione un kit COMPLETO, e non è neanche necessario avere accessori costosi.

Wedding Photography Manfrotto

Personalmente utilizzo due fotocamere, ognuna con un obiettivo diverso (un 24-70 e un 35 mm, se qualcuno è interessato), tuttavia si possono fotografare matrimoni anche con una sola fotocamera e perfino con una compatta. Quando lavoravo come secondo ho usato una sola macchina e un obiettivo da 50 mm per un po’ di tempo prima di decidere di andare per la mia strada e creare il mio marchio.

Non è nemmeno necessaria un’attrezzatura costosa. Il mio kit comprende semplicemente un riflettore, magari un monopiede, e un softbox per flash. Talvolta porto con me anche un treppiede. L’attrezzatura che userò effettivamente dipende dalla sede dell’evento, ma direi che un riflettore deve essere sempre presente nel kit. Spiegherò ora come utilizzo questi semplici accessori e come con essi sia possibile realizzare servizi fotografici per matrimoni.

 

 

Il primo, e più semplice, accessorio che definirei fondamentale è la vostra personalità!! È necessario essere in grado di farsi ascoltare dalle persone e riuscire a riunire molte persone per scattare fotografie di gruppo. Inoltre bisogna riuscire a fare ridere e sorridere le persone senza farle apparire impacciate o poco naturali di fronte all’obiettivo. Facile a farsi quando si deve fotografare una persona sola, molto più difficile è tenere d’occhio tutti i componenti di un gruppo numeroso. Mostrarsi allegri e divertenti aiuta a sciogliere la paura che ognuno ha di trovarsi di fronte alla macchina fotografica e a mettere i soggetti a proprio agio in modo da ottenere fotografie migliori e più naturali. È necessario stabilire un rapporto con tutti i partecipanti alla cerimonia, in particolare con gli sposi, perciò siate il più possibile aperti e disponibili e dimostrate passione per il vostro lavoro.Wedding Photography Manfrotto

 

In secondo luogo è necessario possedere anche una buona capacità di documentazione e mantenere sempre alta l’attenzione perché ogni momento è buono per scattare una splendida fotografia. Ritengo che lo strumento più semplice da portare a un matrimonio siate proprio voi stessi. State sempre attenti e non perdetevi neppure un attimo di ciò che accade intorno a voi. Fare un servizio fotografico per un matrimonio comporta un’estenuante giornata di lavoro lunga 12 ore, con forse un piccolo intervallo mentre tutti sono a tavola, ma in ultima analisi è molto appagante riuscire a documentare cose che non tutti riescono a cogliere, meno che meno gli sposi.

Wedding Photography Manfrotto

 

Ho detto che talvolta è bene portarsi dietro un monopiede. In molti edifici di culto è proibito fare fotografie con il flash, e devo ammettere in tutta onestà che anch’io non lo accetterei in chiesa o durante una cerimonia. Perciò portando con voi un monopiede (io ne ho sempre uno in macchina) sarete sempre certi di realizzare splendide fotografie indipendentemente dalle condizioni di luce della sede della cerimonia. In posti molto bui un monopiede combinato con una sensibilità del sensore elevata e una minore apertura daranno una maggiore stabilità, consentendo di immortalare quei momenti così importanti senza compromettere messa a fuoco e nitidezza dell’immagine. In situazioni come queste il treppiede non serve. Un monopiede consente di muoversi liberamente per cogliere i vari momenti della cerimonia da diversi punti di vista (a seconda di quello che l’organizzatore vi consente di fare. Parlate sempre con l’organizzatore della libertà di movimento che vi è concessa).

Ecco un altro grande consiglio a proposito dell’utilizzo di un monopiede: se avete una fotocamera con Wi-Fi, potete realizzare magnifiche immagini dall’alto della sede del ricevimento e dei tavoli. Basta allungare il monopiede e tenerlo fermo mentre scattate le fotografie con il vostro cellulare in quanto il Wi-Fi della fotocamera consente di utilizzare lo smartphone come un telecomando. Geniale. Semplice. Per una prospettiva interessante.

 

Wedding Photography Manfrotto

Ho sempre pensato che un riflettore sia imprescindibile quando si vogliono scattare dei ritratti, ed è decisamente uno strumento molto semplice da tenere in qualsiasi kit fotografico. Può essere utilizzato per fotografare oggetti, fare ritratti e per qualsiasi immagine in cui si richiede che la luce sia riflessa sul soggetto. Io utilizzo prevalentemente la parte argentata, ma voi potete tranquillamente procurarvi e utilizzare superfici bianche o dorate.

Il riflettore è perfetto per i ritratti beauty della sposa o per far brillare qualsiasi particolare luccicante nel vestito o nella pettinatura realizzata dal parrucchiere. Alcuni vestiti hanno dei brillantini cuciti nella stoffa e un riflettore consente di sfruttare la luce naturale per farli realmente risaltare nelle fotografie ravvicinate del vestito. Io lo utilizzo anche sotto la testa delle spose in modo che rifletta la luce sul loro volto per evitare ombre sgradevoli nella realizzazione di ritratti beauty. Il riflettore può essere utilizzato per fotografare anche scarpe, fiori, il bouquet e altri oggetti. Le occasioni per l’impiego del riflettore per realizzare magnifiche fotografie durante un matrimonio sono infinite. Tuttavia probabilmente io mi limiterei a usarlo durante i preparativi della sposa. Non è sempre possibile farne uso per gli scatti della coppia, a meno che non ne abbiate uno piuttosto grande e non abbiate a disposizione un altro paio di mano ad aiutarvi. La cosa migliore è prenderne alcuni pieghevoli e abbastanza piccoli da poter essere messi in una qualsiasi borsa fotografica in modo che non abbiate scuse per non portarli con voi. Quelli modello TriGrip consentono facilmente di tenere il riflettore con una mano e contemporaneamente di scattare con l’altra.

 

Wedding Photography Manfrotto

Forse non ci avete mai pensato, ma il lato bianco del riflettore può essere utilizzato per posarvi fiori, bouquet, accessori e scarpe da fotografare se non si ha a disposizione un’altra superficie idonea. Se ne avete a disposizione uno abbastanza grande, potete utilizzarlo per fotografare un paio di composizioni floreali e le scarpe su un bello sfondo bianco. Scattando dall’angolatura giusta tutta la parte posteriore risulterà bianca. Ecco una soluzione estremamente semplice al problema di non avere a disposizione uno sfondo adatto e “carino” per riprendere dall’alto gli accessori.

Se il vostro incarico prevede di coprire anche questa parte della giornata, per le fotografie notturne/del ricevimento suggerisco di utilizzare sempre il flash. Il mio consiglio è quello di avere sempre e comunque un flash nel vostro normale kit da utilizzare come flash di riempimento per le fotografie della coppia (in questi casi io talvolta sistemo il flash su un treppiede e lo aziono da remoto come riempimento per ottenere i risultati desiderati. In questo modo sono più libera di realizzare le fotografie che ho in mente).

 

Wedding Photography Manfrotto

 

Un altro semplice strumento da aggiungere al vostro kit è un softbox per il flash, per esempio un Ezybox. Il softbox può infatti essere utile quando ricorrete al flash di riempimento, per ottenere una luce più diffusa e morbida, ma è ottimo anche per fotografare le danze con il flash installato sul corpo della fotocamera. Date le dimensioni piuttosto ridotte dell’ezybox, potete montare il flash sulla slitta della fotocamera senza che interferisca con qualsiasi obiettivo montato sulla macchina. Inoltre può essere accuratamente ripiegato e riposto in una qualsiasi borsa fotografica senza doversi preoccupare che occupi troppo spazio. Utilizzandolo per gli scatti serali si ottiene una luce più morbida rispetto a quella diretta e violenta del flash. Se non ho con me il softbox, normalmente faccio in modo che la luce del flash rimbalzi sul soffitto o su una parete. Ma preferisco di gran lunga utilizzare il softbox rispetto a quest’ultima soluzione perché, per esempio, non si sa mai quanto sia alto il soffitto.

 

Sebbene l’elevata sensibilità ISO delle fotocamere attuali permetta di ottenere risultati lusinghieri, io continuo a preferire il flash per scattare delle belle fotografie delle danze. È sempre molto difficile realizzare scatti belli e perfetti di attività veloci come il ballo senza il flash. In fin dei conti a nessuno piacciono le fotografie troppo mosse. Tuttavia scattare delle istantanee con una luce ridotta senza flash è molto più semplice e a volte dà risultati migliori da un punto di vista estetico in quanto si riesce a cogliere meglio l’atmosfera della serata. Inoltre nessuno si renderà veramente conto di quando state scattando se durante la serata non fate ricorso al flash. Il flash infatti avvisa che sta per essere scattata una fotografia e alcune persone non riescono a rilassarsi e a mostrarsi disinvolte e naturali se sanno che potrebbero essere riprese.

 

 

Esistono tutta una serie di strumenti semplici che potete aggiungere al vostro kit per fotografare matrimoni, ma onestamente quelli più semplici e per me indispensabili sono l’occhio per le belle fotografie e la vostra passione. Fotografare un matrimonio comporta lunghe ore di lavoro ed è proprio la passione per la creazione delle fotografie a spronarvi e guidarvi, quella stessa passione che si ritrova poi negli scatti e che, ai miei occhi, è ciò che contraddistingue un grande fotografo. Che siate fotografi professionisti o invitati alla cerimonia che si cimentano con la fotografia da novellini, gli strumenti di base per ottenere grandi fotografie sono la vostra fotocamera e una passione straordinaria. Il kit viene costruito con il tempo. In questo articolo ho descritto i semplici accessori che utilizzo io e spero di avervi spinto a considerare di inserirli nella vostra attrezzatura standard, ma tutti questi strumenti non sono niente senza l’amore per la fotografia e per l’amore stesso.

Top
I nostri brand